Rolleicord Va

In casa Franke & Heidecke hanno pensato anche all’alternativa economica alla più blasonata Rolleiflex; nacque a questo scopo nel 1934 la prima Rolleicord, denominata Rolleicord Deco. Naturalmente  la produzione e gli aggiornamenti tecnici sono andati avanti negli anni e la fotocamera nelle sue tante evoluzioni rimase in produzione fino al 1976 con la Rolleicord Vb. Anche se è sempre stata considerata una seconda scelta rispetto alla Rolleiflex e anche se è nata per abbassare i costi di produzione, di certo la qualità costruttiva non era di basso livello. E’ sempre stata caratterizzata da una struttura interamente metallica ed equipaggiata da lenti Zeiss o Scheneider, il top della qualità che la produzione tedesca potesse offrire.

Ma veniamo ora al modello Va….

E’ stata prodotta dal 1957 al 1961 in due serie diverse siglate K3E e  K3E1.  I numeri di serie vanno da 1.584.000 a 1.599.999 e  da 1.900.000 a 1.943.999. E’ una fotocamera piuttosto comune e ne sono state realizzate circa 60.000 esemplari. L’ottica di ripresa è sempre la stessa, uno Schneider Kreuznach XENAR 75mm f3.5 mentre l’ottica di visione è un Heidosmat 75mm f3.2 sempre di casa Schneider. L’otturatore è un Syncro-Compur MXV con tempi da 1 secondo a 1/500 e posa Bulb. La fotocamera è equipaggiata con baionetta 1 quindi ha la possibilità di montare tutti gli accessori ottici della blasonata Rolleiflex.

Uno dei punti di forza della Rolleicord Va è il contapose, studiato appositamente  per permettere facilmente il passaggio tramite gli appositi kit Rolleikin ad altri formati (16 pose 4×5.5, 4×4 oppure 24 pose 24×36, 28×40 o 28×55). Il contapose da 12  è situato sul lato destro della fotocamera e si svita semplicemente con 2 dita per poterlo sostituire velocemente con quello da 16 o da 24 pose forniti nei kit per il cambio di formato.

Un’altra importante variazione rispetto al modello precedente è la posizione del bottone di messa a fuoco, che per la prima volta su una rolleicord viene maggiorato nelle dimensioni e posizionato sul lato sinistro della macchina. Al centro del bottone troviamo una piccola ghiera che permette di selezionare gli ASA da 8 a 800 e i DIN corrispondenti, solamente per  promemoria, mentre al di sopra è riportata la scala dei metri e la scala delle profondità di campo.

L’avanzamento della pellicola è gestito da un bottone sul lato destro della macchina, in prossimità del contapose e non è accoppiato all’armamento dell’otturatore che invece viene attivato da una levetta posta al di sotto della lente di ripresa. Osservando la macchina frontalmente, vicino alle lenti, troviamo diversi comandi: in alto a sinistra si trova la leva che attiva e disattiva il blocco per le esposizioni multiple, mentre a destra un altra leva gestisce il sincro flash   e il timer per l’autoscatto. La selezione di diaframmi e tempi è accoppiata quando si manovra con la leva dei tempi,  non accoppiata quando si sposta il selettore dei diaframmi. In basso sempre sul frontale troviamo a sinistra l’ingresso per il cavo flash con presa pc-sincro e a destra il pulsante di scatto.

Lo schermo di messa a fuoco è abbastanza luminoso e il pozzetto è il classico pozzetto rollei con lente di ingrandimento e mirino a traguardo.

Per concludere la Rolleicord Va, nonostante sia nata come alternativa economica alla Rolleiflex è davvero una bella fotocamera, robusta, elegante, alla quale non manca davvero nulla tanto che alla fine degli anni 50 è stata una durissima concorrente della Rolleiflex T , l’altra alternativa economica di casa Franke & Heidecke.

2 pensieri su “Rolleicord Va”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *