Infrarot Filter

Infrarot Filter baionetta I

Sicuramente uno dei filtri più rari di casa Franke & Heidecke, l’infrarot è dedicato esclusivamente alla fotografia a infrarossi.  Il suo fattore di compensazione è di circa 4 stop, tanto che per avere la possibilità di utilizzare diaframmi chiusi l’utilizzo di un treppiede è quasi obbligatorio. Un altro problema riscontrabile quando si pratica la fotografia a infrarossi è la messa a fuoco che non corrisponde esattamente alla scala metrica riportata sugli obiettivi, ma è accorciata circa del 30%. Questo perché la radiazione infrarossa, normalmente invisibile, è posizionata su un altro piano rispetto alla luce visibile che col filtro andiamo a eliminare.

Filtro Infrarot e pellicola Rollei Infrared 400

Ne consegue che se stiamo fotografando un soggetto a circa 10 metri, dovremo posizionare la messa a fuoco a 7 metri. Questo problema in realtà viene aggirato anche dal fatto che solitamente nella fotografia di paesaggio si utilizzano diaframmi molto chiusi aumentando  anche fino all’iperfocale la profondità di campo. Molto utile per compensare il fattore filtro un esposimetro esterno; grazie a questo accessorio non sarà così

Rolleiflex 3.5A posizionata sul cavalletto con filtro infarto e scatto flessibil

difficile calcolare la giusta accoppiata tempo diaframma da utilizzare. Facciamo un piccolo esempio: poniamo il caso che in macchina abbiamo una Rollei Infrared da 400 iso; per trovare i giusti valori basterà impostare l’esposimetro a 25 iso andando a compensare i 4 stop del fattore filtro (non tutti i filtri hanno lo stesso fattore filtro).

Vediamo ora  le principali differenze tra una fotografia BW standard e una fotografia Infrared:

  • Le foglie perderanno completamente il loro verde naturale e diventeranno completamente bianche. Questo effetto sarà molto più’ efficace nel caso delle latifoglie, conifere o palme resteranno quasi invariati rispetto a una normale immagine in bianco e nero.
  • Acqua e cielo diverranno  neri e il contrasto con le nuvole sarà molto marcato.
  • La foschia verrà completamente eliminata ottenendo foto molto nitide.

    Il rudere di un vecchio monastero fotografato sul Monte Fascie nelle alture di Genova. Rolleiflex K4A, filtro Infrarot e pellicola Rollei Infrared 400. 1/8 sec f16. Stampa ai sali d’argento su carta baritata.
Genova – Monte Fasce – Rolleiflex K4A, filtro Infrarot e pellicola Rollei Infrared 400. 4 secondi a f16. Stampa ai sali d’argento su carta baritata.
Genova – Monte Fasce – Rolleiflex K4A, filtro Infrarot e pellicola Rollei Infrared 400. 4 secondi a f16. Stampa ai sali d’argento su carta baritata.

 

4 pensieri su “Infrarot Filter”

  1. Bella la foto. Io sono il webmaster del sito del rollei club. Il sito va a rilento perche’ …. ho problemi di vecchiaia e di famiglia. In prospettiva potremmo collaborare sia con reciproci LinkedIn, sia con scambio di argomenti. Il sito e’ nato con esplicito rifiuto di copyright e quindi puoi attingere liberamente. Di una possibile collaborazione parlane col presidente Roberto.
    Ciao
    Alberto (Altair)

    1. Ciao Alberto. Ti ringrazio… Beh conosco Roberto da un po’. Diciamo che in parte la mia “ROLLEI-MANIA” è anche merito suo… Detto questo una futura collaborazione sarebbe senza ombra di dubbio una bellissima cosa… I vostri siti (sia Rolleiclubitalia che Massacarrara.net) sono stati fonte di numerose informazioni, soprattutto quando mi sono avvicinato per la prima volta al mondo Rollei… Come avrai visto il sito Rolleiclub è tra i link del mio sito con una didascalia dedicata… Sperando in una reale collaborazione ti ringrazio del passaggio e ti saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *